Come-leggere-l’etichetta-di-un-prodotto

Come leggere l’etichetta di un prodotto.

Spesso ci domandiamo se un prodotto cosmetico sia buono o no o se sia adatto al nostro tipo di pelle. Scegliere con consapevolezza è molto importante, soprattutto sapendo che molti ingredienti comunemente utilizzati in cosmesi sono scarsamente biodegradabili e poco eudermici.

Solo l’elenco degli ingredienti presenti in etichetta posso fornire le informazioni necessarie per capire le proprietà di un cosmetico, ma la comprensione di tale elenco non è semplice.

L’elenco degli ingredienti cosmetici vengono definiti con il termine INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) che è una denominazione internazionale utilizzata per indicare in etichetta i diversi ingredienti presenti all’interno di un prodotto cosmetico.  La nomenclatura INCI si discosta dalla Nomenclatura Chimica. In cosmesi si parla un linguaggio totalmente diverso.

La maggioranza dei termini di questo codice è in inglese, mentre in latino sono scritti i termini riferiti ai nomi botanici e agli ingredienti presenti nella farmacopea. Gli eventuali coloranti sono classificati secondo le numerazioni stabilite dal Colour Index, che prevedono una sigla di 2 lettere seguite da 5 cifre (rosso: CI 12085).

L’ordine degli ingredienti è molto importante perché’ evidenzia le quantità di composto presenti nella formulazione del prodotto. Gli ingredienti sono infatti posti in ordine decrescente e spesso il primo ingrediente è l’acqua (water), in quanto molti prodotti sono a base acquosa. Viceversa, quelli a base oleosa partono dall’indicazione dell’olio principale. I componenti presenti in quantità minore dell’1% possono essere inseriti in ordine sparso.

Le profumazioni sintetiche vengono indicate in etichetta con la semplice sigla “parfum”. Quest’ultime posso essere sostituite da oli essenziali presenti con il termine “essential oil”. Profumi e oli essenziali sono solitamente in una delle ultime posizioni.

I prodotti per l’igene corpo o capelli contengono tensioattivi (ingredienti “lavanti”). Si troveranno le seguenti diciture : Sodium laureth sulfate. il Sodium lauryl sulfate, e l’Ammoniun lauryl sulfate oppure per i tensioattivi di origine naturale o vegetale troveremo : Coco glucoside, Decyl glucoside e Sodium lauroyl glutamate. I tensioattivi si posizionano subito dopo l’acqua seguiti dagli emulsionanti, dai conservanti, dagli estratti naturali (se sono presenti, con il loro nome latino).

Per quanto riguarda le creme per il viso e per il corpo, dopo l’acqua si troveranno  nomi “strani” che si riferiscono agli emulsionanti, che servono a realizzare la texture del prodotto. Esempi sono: cetearyl alcohol, Glyceryl Stearate, il Sodium Stearoyl Glutamate, il Sodium Cetearyl Sulfate, Methyl Glucose Sesquistearate

In posizioni piu’ “basse” in etichetta ci saranno oltre agli eventuali estratti botanici, i conservanti, che permettono che il prodotto non vada a male una volta aperto ed “inquinato” dalle dita. Gli ingredienti utilizzati nei cosmetici sono innumerevoli, ma iniziando a leggere le etichette dei prodotti comincerete a notare la frequente presenza delle sostanze che vengono utilizzate più spesso, così che potrete iniziare a memorizzarle tra i componenti da preferire o da evitare.